Diario del nostro viaggio in Sicilia — 2a parte

Volete sapere com’è proseguito il nostro tour in Sicilia? Ecco qua, in ritardo come al solito, la seconda parte!

La Sicilia bisogna viverla dicevo nel mio precedente post  e quindi non si può non iniziare la giornata da veri siciliani, ovvero con una granita! Mandorla, mandorla tostata, pistacchio, gelsi ad ognuno il proprio gusto e ovviamente va accompagnata con una bella brioche… ecco poi al rientro ci si chiede il perché di quei kg in più!!

IMG_4432

Giorno 5  Dopo una bella granita, ci concediamo una giornata di relax in spiaggia; e che spiaggia! Quella di  San Lorenzo vicino alla riserva di Vendicari. Il mare trasparente è invitante ma l’acqua gelata e nonostante ciò la Stiazza si fa un bagnetto. Dopo la giornata sotto l’ombrellone passiamo da Marzamemi, un luogo incantevole anche se non la vediamo nelle ore del tramonto quando probabilmente sfoggia l’atmosfera migliore. La piazza non é troppo affollata quindi girovaghiamo per le strade e lo Stiazzo ne approfitta per giocare a palla nella piazzetta e alla fine come al solito finisce a granita e panna… Ottima, neanche da mettere in dubbio!

IMG_4410

IMG_4413

Facciamo acquisti, ovviamente gastronomici, e poi ripartiamo,  ma anziché tornare a Pozzallo  facciamo una deviazione per la serata a Noto. Arriviamo a Noto nell’ora del tramonto e i suoi palazzi barocchi assumono un colore particolare per non parlare dell’ora blu…(quell’ora in cui il cielo diventa di un blu intenso, tanto amato dai fotografi)

Cena in una pizzeria molto particolare nel centro storico di Noto e poi tutti a casa perché il giorno successivo ci aspetta una lunga giornata!

IMG_4885 IMG_4428

Giorno 6

Dopo la solita colazione con cornetto e granita, facciamo un salto in pescheria per assicurarci la cena e poi via verso il Castello di Donnafugata.

Arriviamo con mille scolaresche che lasciamo passare per poi goderci la visita con  un po’ di calma.

Il Castello di Donnafugata, che poi in realtà é più una dimora che non un castello, è tenuto molto bene e relativamente recente per cui alla Stiazza é piaciuto un sacco immaginare la vita in questo palazzo passeggiando prima tra le stanze e poi successivamente in giardino.

IMG_4493 IMG_4494 IMG_4495 IMG_4496 IMG_4497

Terminata la visita pranziamo e poi via verso Ragusa ibla in un orario ancora troppo caldo per cui tappa ai giardini Iblei e poi una bella granita.
Salita al duomo di San Giorgio e passeggiata in tutta la zona storica

Cena a casa … meglio del ristorante : Gnocchi con sugo di melanzane pesce spada e menta e grigliata di pesce.

Giorno 7

La mattina successiva, quella di venerdì solita colazione con granita  e poi fatte le valigie decidiamo di goderci di nuovo la spiaggia di San Lorenzo. Giornata di puro relax al sole (forse fin troppo sole!) e di spostamento infatti ci dirigiamo verso Siracusa dove pernottiamo in un b&b del centro.

Cena e passeggiata ad Ortigia ma alle 21,30 lo Stiazzo crolla sul tavolo del ristorante e la Stiazza lo segue a ruota.

Siracusa offre un sacco di cose da vedere e non si sa se riusciremo a fare tutto, vedremo domattina.

Giorno 8

Il sole è caldo e con 30 gradi facciamo un giro in barca per circumnavigare l’isola di Ortigia e vedere le grotte

Finito il giro pranziamo nella zona pedonale e andiamo in giro per Ortigia. Camminiamo come spesso facciamo noi, senza un vero e proprio itinerario, perdendoci in viuzze laterali e cercando di assaporare l’atmosfera di un luogo come se non fossimo turisti.

Restiamo incantati nella piazza davanti alla cattedrale che visitiamo insieme a Santa Lucia.IMG_4569IMG_4568
Raggiungiamo la punta di Ortigia ma il castello è chiuso e cosi riprendiamo il cammino per poi fermarci in una spiaggetta di sassi dove godere del panorama e fare una siesta.

Ripartiamo nell’esplorazione  cercando il museo dei Pupi e caso vuole  arriviamo in tempo per lo spettacolo.

Il teatro é piccolino, molto ben tenuto  e noi prendiamo gli ultimi posti disponibili. Lo spettacolo inizia e lo Stiazzo si emoziona come non mai. Gli attori bravissimi, e le scene spettacolari, così come i costumi dei Pupi. Assistiamo ad un pezzo dell’Orlando Innamorato  e alla fine di una battaglia lo Stiazzo applaude e dice “Ancora, ancora”. Oggi a mesi di distanza da questo viaggio lo Stiazzo ricorda i pupi soprattutto quelli che si davano un sacco di botte!!!

IMG_4605

Per chi fosse interessato ecco il sito: http://www.teatrodeipupisiracusa.it/homepage/

Giorno 9

Sveglia presto, colazione e poi via al Teatro greco  e Orecchio di Dioniso.

Dopo pranzo partenza verso Catania per poi tagliare nel centro e arrivare a Mondello. L’autostrada é interrotta ad un certo punto pertanto abbiamo fatto un lungo giro in statale che ci ha fatto perdere un po’ di tempo ma ci ha anche regalato degli splendidi paesaggi.

IMG_4640

Arriviamo in una  Mondello sovraffollata, a prima vista la Rimini siciliana,  nel pomeriggio e per fortuna troviamo velocemente una stanza. La sera si svuota un po’, così ceniamo e poi giostre e dolce in pasticceria

Giorno 10

Ultimo giorno di vacanza purtroppo 😦 e onomastico di papà Malo.
Stiamo in spiaggia al mattino e facciamo anche un bel bagno visto che l’acqua è abbastanza calda.
La vista bella, il mare trasparente, unico neo la spiaggia sporca
Se c’è una cosa che mi fa imbestialire è questa… l’inciviltà delle persone.

Mangiamo “da Calogero” trattoria sul lungo mare, la cui specialità è il polpo.
Ad ogni ora si può mangiare polpo per soli 6 euro! E lo Stiazzo l’adora!
Pranziamo a base di pesce e ci rimettiamo in viaggio; l’aereo per Torino è la mattina dopo e quindi ci avviciniamo a Trapani.

Ci fermiamo a Marausa Lido vicino a Trapani.

Marausa lido è deserta, la spiaggia non è ancora stata pulita, lasciamo le valigie e andiamo verso Trapani. In realtà facciamo una deviazione per le saline di Nubia e scopriamo un posto pazzesco.

IMG_4697 IMG_4683 IMG_4676  IMG_4677
Visitiamo le saline al tramonto, prima passeggiando e cercando dì scoprirle un po’ e poi facendo una visita guidata al museo. La ragazza che fa da guida al museo è molto brava sa coinvolgere la Stiazza nel modo giusto, la spiegazione è accattivante e divertente. Il sole scende sulle saline e noi ceniamo a Trapani godendoci il tramonto e scrutando l’orizzonte abbiamo già voglia di organizzare la prossima vacanza in questa fantastica terra.

IMG_4909

Un posto ci sarà
fatto di lava e sale
dove la gente sa che è ora di cambiare […]

Che un posto ci sarà
dove si pesca ancora
e il mare porterà
una storia nuova […]

(cliccate sulla foto a destra… e godetevi Pino Daniele che canta la Sicilia)

Annunci

Un pensiero su “Diario del nostro viaggio in Sicilia — 2a parte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...