addio ad una campionessa

Oggi le 2 chiacchiere sono un po’ tristi; a volte succede che ci siano dei post così.

Volevo scrivere un post sulle donne, una breve riflessione dopo l’8 marzo. Volevo ricordare alcune donne semplici che andrebbero ricordate sempre e non solo in un giorno. Invece mi trovo a scrivere di una donna soltanto… anzi di una ragazza

La morte dei campioni sportivi in Argentina mi ha toccata profondamente.Il fatto di essere morti per uno stupido reality show  mi fa proprio arrabbiare; per carità se il loro destino era quello probabilmente sarebbe potuto accadere in qualsiasi altro modo non lo metto in dubbio.. ma mi fa arrabbiare.

Quello che ho scritto ieri  ” a caldo” dopo la notizia é la cosa che più mi gira in testa da ieri. Camille Muffat era una ragazza di Nizza, si allenava a Nizza ma veniva anche nelle piscine della zona così come é facile incontrare Alain Bernard ad Antibes.

La Stiazza  frequenta la piscina dove sono nati alcuni campioni come Alain Bernard (che tra l’altro sarebbe dovuto essere su quell’elicottero) e questi ragazzi diventano un modello per i nostri figli… un modello “sano”, sportivo, dimostrano che chi si impegna e ha talento può riuscirci…non sono i divi della tv, ma persone in carne ed ossa. Ad Antibes ci sono regolarmente degli stage con Alain per stimolare i ragazzi per dargli una spinta in più e dimostrargli che si può sognare e si può arrivare fino alle Olimpiadi con un po’ di impegno.

Camille aveva smesso di nuotare, voleva un po’ di leggerezza, senza più allenamenti serrati e invece….

Cosa porta degli atleti di alto livello a partecipare a degli stupidi realty show? Credo che chiunque abbia delle ragioni diverse; forse la notorietà, o i soldi o forse il fatto di fare qualcosa di diametralmente opposto alla loro vita di sempre; la possibilità di mostrarsi come persone e non come atleti.

Camille resterà comunque un esempio per tutti gli sportivi in erba della nostra zona. Ha fatto parlare di sé come campionessa, ha dimostrato il suo talento con le vittorie, non si é fatta “pubblicità” come altre fidanzandosi con uno piuttosto che con un altro.

Nizza l’ha omaggiata e ricordata come meglio poteva, nel cuore della città sullo specchio d’acqua della Promenade du Paillon.

E stamattina mi fa male leggere articoli come quello della stampa …francamente chissenefrega se ha battuto o no la Pellegrini, se le era simpatica o no…

Era una campionessa discreta e riservata e forse dovremmo insegnare il suo esempio ai nostri figli anziché metterci a fare gossip.

Addio campionessa…

LONDON 2012 - FRENCH MEDALLIST AT CLUB FRANCE - DAY 8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...