Back from the US… la nostra esperienza! (pensieri sparsi)

Siamo tornati a casa dopo quindici giorni passati negli US, precisamente in Florida, e questo post é in bozze da un paio di sere visto che lo Stiazzo, il piccolo di casa, non ha ancora ben assorbito il jet lag. Abbiamo avuto un’ottima opportunità visto che papà Malo doveva partire per lavoro ne abbiamo approfittato per andare tutti quanti. Viaggiare con i bambini è bello, emozionante  ma anche  stancante e difficile. Quando si viaggia con un bimbo solo tutto è più semplice (così lo era stato per la Stiazza alle Seychelles a 2anni e mezzo) i ritmi rallentano in base alle sue esigenze, si cerca di rispettare i suoi  orari ecc.. in due diventa più complicato: i ritmi sono rallentati si, ma solo in parte, perché il grande ha bisogno comunque di stimoli e siccome con la Stiazza si può fare “di più ” lo Stiazzo segue.  Più che altro lo Stiazzo è in un’età difficile (13mesi) ovvero: l’età in cui non mangia più le pappe ma neanche mangia ancora il fish&chips ; vuole camminare ma non lo fa ancora da solo; ha bisogno  di fare delle sieste e di avere orari fissi e invece noi  abbiamo fatto un viaggio itinerante. Le piccole crisi di gelosia poi non restano a casa ma ci sono anche in vacanza e il volume dello Stiazzo è a volte fuori controllo (un giorno un passante ha sentito un acuto mentre strappava di mano una cosa alla sorella , si è fermato ed ha esclamato:”hey ma’m he will be a singer!”). Però alla fine ha seguito, ed è andata comunque bene! Io sono convinta che i viaggi siano sempre positivi per tutti quanti. La prima settimana eravamo soli perché papà Malo lavorava e così abbiamo “vissuto” un po’ la città di Fort Lauderdale.  Speravamo di poterci rilassare in piscina o in spiaggia ed invece il tempo non ce l’ha permesso così abbiamo preso la macchina e  girovagato per la città e i suoi dintorni. Guidare la macchina con il cambio automatico all’inizio mi spaventava un po’ invece devo dire che è comodissima e per una volta ho apprezzato anche il Tom Tom che di solito non é mio amico! La seconda settimana invece é stata all’insegna della scoperta e quindi itinerante, ogni notte cambiavamo città e stanza d’hotel/motel, km percorsi in macchina: 1080! IMG_3528

 

Qualche considerazione sull’America… in ordine sparso! Gli americani son tutti molto friendly …fin troppo! al 5° “how are you doing today” alle 9 del mattino non ho quasi più voglia di rispondere!!ma loro una risposta se l’aspettano… Sono anche molto family friendly e ben organizzati, nei mall ci sono i “Bagni family” e quasi dappertutto fasciatoi per i più piccoli; nella maggior parte dei ristoranti i bambini si ritrovano a colorare i loro menù o altri fogli. Se siete come me che  non amo l’aria condizionata troppo forte tenetevi a portata di mano sempre una maglia, perché nei ristoranti, hotel o negozi é sparata a mille o forse potrei dire sui 65°! Ecco la perfetta conversione dei gradi Farenheit in Celsius mi é ancora abbastanza sconosciuta in linea di massima sui 74/76° si sta bene a 82° fa caldo e a 66° fresco! Ci sono connessioni wifi ovunque e spesso sono free… poi dipende da quanto si voglia essere connessi con il mondo! I primi giorni il cambio di fuso orario ci faceva svegliare molto presto ma questo ci consentiva di godere appieno della giornata. Il sole sorge presto e noi uscivamo praticamente subito per cui alle 9,30 eravamo in spiaggia ma dopo essere stati  al supermercato, in giro e da Starbucks per colazione! Tutti i parchi o quasi sono a pagamento c’è un costo d’ingresso per le macchine o per le persone a piedi. Sono tenuti molto bene e in quasi tutti poi si trovano “restrooms” e snacks. Torniamo assuefatti da pollo, hot dog e lo Stiazzo da Apple juice! Il cibo è stato la parte più difficile da gestire soprattutto per lo Stiazzo troppo grande per il solo latte ma troppo piccolo per fish&chips. Alla ricerca di cibo per bambini  si è mangiato le “gourdes” più fantasiose: banana e zucchine oppure spinaci e pere per esempio. I due pasti pronti acquistati sono finiti ahimè cestinati ed in effetti non che avessero un gran aspetto ne sapore. Qualche sera è finita a biberon e biscotti! I “mac and cheese” (macaroni and cheese) che ho provato a dare ai miei figli dicendo “é pasta con il formaggio”; sono decisamente troppo “americani” per i miei bimbi!   I voli Abbiamo volato con Delta Airlines che in Francia è associata ad Air France per cui il volo su Parigi è stato effettuato da Air france con gli standard validi di sempre di questa compagnia. Il volo “lungo”, ovvero Parigi – Miami, è andato bene. Lo temevamo molto ed invece è passato in modo indolore. L’aereo era abbastanza grande per cui lo Stiazzo ha potuto passeggiare un po’. La Stiazza ne ha approfittato per fare il pieno di cartoni animati. La Delta ha offerto ai bimbi carte da gioco, un libretto da colorare con i pastelli e per il piccolo un bavaglino e omogeneizzato alla frutta. I pasti a bordosono stati buoni come poche volte e personale gentilissimo. Sul volo di ritorno da Miami a New York invece la cosa più strana é stata che lo Stiazzo era “a briglia sciolta”! Ovvero essendo “on the lap”, ovvero “infant”, ovvero senza posto assegnato, non aveva nemmeno cintura di sicurezza; di solito c’è la cinturina piccola da attaccare alla nostra e invece qui niente … Anche sul volo da NY a Nizza niente cintura e per fortuna il volo non era pieno per cui i bambini si sono distesi e hanno dormito.IMG_3508 Negli aeroporti i controlli son stati abbastanza semplici. Avevo del succo di frutta in borsa e delle pappe pronte per lo Stiazzo ma non mi hanno fatto stori, hanno soltanto controllato le pappe dentro ad un apparecchio apposito. All’andata avevamo anche il barattolo di antibiotico della Stiazza e anche lì non ci hanno detto nulla (per precauzione in questi casi è meglio portarsi la ricetta del medico). Abbiamo tenuto il passeggino fino al momento dell’imbarco e siamo sempre stati imbarcati con priorità. A Miami siamo passati con priorità anche all’immigration dove sono stati gentilissimi e cordiali. Ecco la cordialità degli agenti dell’immigration era una cosa che non ricordavo ma con i bambini…cambia tutto!

 

Le nostre tappe Vorrei raccontarvi nei prossimi post un po’ del nostro itinerario e vi anticipo le tappe principali:

  •  1 settimana a Fort Lauderdale e dintorni
  •  Naples e le Everglades
  •  Le Keys
  •  una giornata a NY

Cosa ricorderò di questa vacanza?

Le corse sulla spiaggia e le passeggiate cercando conchiglie con la Stiazza IMG_3601

Le albe e i tramonti visti sul mare IMG_3616 Lo Stiazzo che impara a saltare sui letti copiando la sorella e che impara a bere il succo di mela con la cannuccia!

La Stiazza che va in cerca di alligatori come fossero gatti ! IMG_3671 E che al parco giochi avvicina delle coetanee dicendo  “can we play together?” Appena le altre parlano non capisce nulla, ma ci sta! Alla domanda is this your brother ormai risponde convinta “oh yes!”

 

Gli addobbi natalizi in un clima primaverile IMG_3566   La natura impressionante delle Everglades

 

 

IMG_3697

Una giornata a NY speciale

 

NY03

Annunci

5 pensieri su “Back from the US… la nostra esperienza! (pensieri sparsi)

  1. Mooooolto interessante! Io mi fermo ad 1 bimbo di 1 anno e mezzo ma tra pochissimi giorni saro’ a Miami quindi il tuo post fa al caso mio 😀 toglimi due curiosita’ che mi “attanagliano”: con il fuso com’e’ andata? poi l’altra e’ sul cibo ma in verita’ hai gia’ risposto nel post….

    Mi piace

    • Che bello!!! non posso che invidiarti un po’..ripartirei anche io!! Allora … per il fuso all’andata direi bene, a parte la prima mattina che ci ha visti tutti e 4 svegli alle 5,30 ca. Dalla seconda notte in poi entrambe i bambini hanno dormito e gli orari erano ok. Al ritorno avevamo il volo di notte e la grande ha dormito tutte le 6 ore ed é tornata in piena forma (per intenderci, la sera del giorno del ritorno é andata al corso di nuoto!) al piccolo ci sono voluti almeno 3/4 giorni. Le prime sere si risvegliava a mezzanotte con la fame e non voleva più riaddormentarsi (anche dopo un bibe di latte). E poi recupera dormendo parecchio durante la giornata.
      Per il cibo… eh il cibo…per noi é stato un po complicato, nonostante sia un bimbo che mangi abbastanza a volte non c’era proprio verso di farlo mangiare! Alla fine risolvevo, soprattutto il pranzo, con yoghurt (anche quelli che si tengono fuori frigo tipo della nestlé) e “gourdes” non so come si chiamino in italiano, sono tipo quei sacchetti di frutta; oppure frutta fresca. In moltissimi ristoranti ci sono i menu per bambini ma di solito sono hamburger, nuggets di pollo o pesce, e a volte la pasta. La sera al ristorante di solito chiedevo la pasta al pomodoro (spesso “marinara” ovvero bella agliata!) oppure toglievo la panatura del pollo! Una volta visto che avevamo il microonde in camera gli ho preso le penne pronte barilla e se l’é scofanate tutte!! Credo dipenda da bambino a bambino. Se hai bisogno di cibi pronti ti consiglio di andare in un Walmart sono i più forniti. 🙂 Voi sarete fermi a Miami o itineranti?

      Liked by 1 persona

  2. Grazie sei stata super dettagliata! Mio figlio non e’ un mangione (ahi a!) e quindi sono sensibile al tema…in verita’ ho prenotato più’ che altro appartamenti con cucinino e pensavo magari di cucinargli qualcosa! Noi abbiamo già’ prenotato la macchina, viene pure una coppia di amici con figlio sempre di 1 anno circa e volevamo anche girare un po’ (sicuro andremo ad Orlando…per i bimbi eh, mica per noi 😉 Pasta al pomodoro con aglio noooooooooooo 😦

    Mi piace

    • Si, se hai la cucina forse ti conviene! Io le volte in cui avevo il microonde in camera ho fatto scaldare le cose in camera poi uscivamo a cena dopo ma almeno lui era tranquillo e spizzicava solo pane o qsa del genere. Un paio di sere invece Biberon con biscotti!
      Buon Viaggio!!! Noi questa volta siamo rimasti al Sud non ci siamo spinti a Orlando,
      aspetto tuo racconto!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...