L’estate… è già finita?

Oggi é il compleanno del Malo, il papà degli Stiazzi, e allora si festeggia! Mentre la torta é in forno, le decorazioni in pasta di zucchero pronte, il festeggiato e gli Stiazzi in giardino con i nonni, io  mi prendo un caffé e scrivo un po’.

Il compleanno del Malo segna sempre un po’ la fine dell’estate… lunedì prossimo sarà il primo di settembre e il due ci sarà la “rentrée”.

La rentrée ovvero il “rientro a scuola” / il primo giorno di scuola é un mito qui in Francia, uno di quelli che forse non ho ancora compreso appieno.

La rentrée aleggia nell’aria dalla fine di agosto sottoforma di incubo minaccioso,   tutti quanti cominciano a parlarne quasi come fosse una catastrofe che sta per arrivare… “bientôt la rentrée ..et alors prêts pour la rentrée.. o ancora  et oui la  rentrée approche”. E così uno se l’immagina un po’ come un orco gigante che sta per arrivare per sconvolgere le nostre vite. In effetti è visto un po’ come uno spartiacque tra la fine delle vacanze e l’inizio della vita di routine. Molte mie colleghe prendono ferie il giorno della rentrée anche se in realtà l’orario è praticamente quello solito, forse un po’ ritardato al mattino ma si esce alle 16,30 come gli altri giorni.
Non solo, ma la rentrée é anche un incubo  commerciale; nei supermercati ci sono interi reparti dedicati alla cartoleria e allora si vedono madri sclerate, sole o con figli al seguito, con liste interminabili di cose da comprare.

Per noi sarà la terza rentrée. La prima é stata a dir poco tragica, era il primo giorno di materna per la Stiazza con zero inserimento ( ovvero 15 minuti in classe con loro e poi i genitori gentilmente invitati a lasciare l’aula, che viene prontamente chiusa visto che la maggior parte dei bambini tenta di scappare..anche un po’ a ragione !)
La seconda rentrée teoricamente poteva andare meglio ma noi per complicarci un po’ la vita abbiamo cambiato città .. E qui altre lacrimucce, anche se poi è andata benissimo.
Quest’anno la rentrée della Stiazza dovrebbe essere indolore, almeno questo sulla “carta”: conosce la scuola, le insegnanti e parte dei compagni. In effetti qui in Francia le insegnanti cambiano ogni anno e le classi vengono mescolate, per cui anche i compagni possono cambiare, il che può essere positivo o negativo a seconda delle situazioni.

Quello che mi preoccupa di più è lo Stiazzo … Lui avrà una rentrée soft ma pur sempre un grande cambiamento. Per due giorni a settimana andrà dalla nounou ovvero una babysitter (tecnicamente un’ “assistente maternelle” che può tenere fino a 3 bambini in casa sua).
Ora, la nounou questa volta la conosciamo (sarà infatti la stessa della Stiazza perché ci siam trovati bene con lei ed è così difficile trovarne altre che meglio tenersela stretta ) è una persona a cui diamo fiducia però finora lo Stiazzo è stato a casa con me…
E forse quella che non è pronta per la sua rentrée sono io.
Credevo che per il secondo sarebbe stato più semplice, meno doloroso lasciarlo soprattutto alle persone di fiducia e invece non lo è affatto. Credevo di annoiarmi un po’ a casa o che il lavoro, l’ambiente lavorativo mi mancasse, e invece no! Io mi sento benissimo a casa.
Ora, cerchiamo di goderci quest’ultima settimana d’estate e poi “affronteremo” la rentrée.

 

Annunci

3 pensieri su “L’estate… è già finita?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...